Guida Pratica per A.S.D. - N°4


Le varie forme di responsabilità in una Associazione Sportiva Dilettantistica

Esaminare varie forme di responsabilità a cui una ASD potrebbe incorrere nell’esercizio delle proprie funzioni è tema molto delicato, ma al tempo stesso assai vasto.

Dedicheremo diversi futuri interventi a questo tema al fine di sensibilizzare ed essere a conoscenza dei rischi a cui si potrebbe essere esposti nell’esercizio dell’attività. Ogni attività umana non è esente da rischi; agire in via preventiva permette una consistente limitazione dei rischi e una loro gestione attenta e consapevole.

Saranno da esaminarsi diverse forme di responsabilità quali ad es.:

  1. Responsabilità contrattuale;

  2. Responsabilità tributario-fiscale;

  3. Responsabilità dell’istruttore;

  4. Responsabilità nell’organizzazione di manifestazioni, eventi e/o gare;

  5. Responsabilità per la custodia di animali ed in generale per le cose in custodia;

  6. Responsabilità dei dirigenti;

  7. Responsabilità personale.

È però fondamentale fin da ora affermare, per meglio conoscere e comprendere le differenti forme di responsabilità a cui si potrebbe essere esposti, che è necessario l’espletamento di un’attività di due diligence specifica e personalizzata.

Ricordiamo, infine, che l’Associazione sportiva dilettantistica è dotata di autonomia patrimoniale imperfetta.

L’art. 38, co. 2 c.c., stabilisce che: “Delle obbligazioni stesse rispondono anche personalmente e solidalmente le persone che hanno agito in nome e per conto dell'associazione”.

Brevemente possiamo affermare che la responsabilità, nelle sue diverse declinazioni, potrà essere imputata all’ente, ma anche solidalmente agli amministratori o altri soggetti che hanno agito in nome e per conto di essa.

Responsabilità contrattuale dell’Associazione

Il primo profilo di responsabilità da esaminare è quello fondato sull’inadempimento contrattuale.

Non vi dovrebbero essere dubbi sul fatto che l’Associazione possa stipulare contratti ed assumere relative obbligazioni.

La responsabilità contrattuale in una Associazione sportiva dedita alla custodia e all’esercizio degli sport equestri può anzitutto sorgere sulla base di contratti (scritti o orali) stipulati ad esempio per:

  1. Custodia di cavalli;

  2. Gestione ed esercizio dell’attività e degli impianti sportivi;

  3. Rapporti con associati e/o tesserati;

  4. Rapporti con lavoratori e collaboratori (autonomi o subordinati);

  5. Rapporti con fornitori;

  6. Organizzazione di eventi o manifestazioni;

  7. Rapporti con terzi.

L’art. 1321 c.c. definisce testualmente il contratto come l’accordo di due o più parti per costituire, regolare o estinguere fra loro un rapporto giuridico patrimoniale. Nascono così diversi obblighi in capo agli stipulanti, il cui mancato rispetto potrebbe determinare forme di inadempimento contrattuale.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@equiadvices.com

Ph: x-bionic equestor sphere


Post in evidenza
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Post recenti